Come ridurre gli sprechi di acqua domestica

Adottando alcuni semplici accorgimenti è possibile ridurre quotidianamente il consumo di acqua domestica. Questi consigli sono condivisi da associazioni ambientaliste e associazioni di tutela dei consumatori tra le quali Legambiente ed Altroconsumo.

 

 

Applicare al rubinetto un frangigetto è un’operazione che ha un costo irrisorio e consente di ridurre il consumo di acqua fino al 50%. Un rubinetto che gocciola può far sprecare fino a 3000 litri di acqua all’anno. Per verificare la presenza di perdite è possibile leggere il contatore prima di andare a dormire, non aprire i rubinetti per tutta la notte e quindi leggere il contatore il mattino successivo. Nel caso si rilevasse la presenza di una perdita, è consigliato valutarne l’entità e programmare un eventuale intervento.

Il bagno richiede grandi volumi d’acqua (fino a 150 litri), mentre la doccia è più veloce e ne richiede una quantità inferiore (circa 30 litri). Preferire la doccia al bagno ed adottare qualche accorgimento (come insaponarsi senza fare scorrere l’acqua) consentono di ridurre ulteriormente i consumi. Il lavaggio dei denti e la rasatura possono essere effettuati senza far scorrere l’acqua in continuazione. Considerando che queste sono attività quotidiane il risparmio può essere notevole. Il water è responsabile del 20% dei consumi domestici. Ogni volta che si aziona lo sciacquone si consumano fino a 10 litri d’acqua. Anche per questo motivo è importante non utilizzare il water come un cestino della spazzatura. Uno sciacquone a scarico differenziato ed un suo corretto uso sono in grado di ridurre notevolmente i consumi.